In Certamine Prima

IN CERTAMINE PRIMAdi Milo Boz Veneto“IN CERTAMINE PRIMA”.. prima nella battaglia, era il motto della nave del gradissimo Condottiero veneto. Un delizioso dipinto conservato nel Museo Correr, illustra in maniera un po’ naif ma efficace il primo scontro navale, che lo vide protagonista, nella sanguinosa guerra di Candia. Il motto fu poi ripreso dagli amici

Bombardieri di Venezia

Di EcceLeo I Bombardieri di Venezia come altri corpi urbani si esercitavano al “bersaglio” del Lido. Ogni anno venivano eseguite due gare di tiro con il cannone da mar e da terra o con il falconetto da 12 e da 16 libre. Le competizioni avvenivano il 1° maggio e il 24 agosto e in presenza

LA RELIQUIA DI MARC’ANTONIO BRAGADIN, IL TRAGITTO FINO A VENEZIA

Di Massimo Tomasutti Molto si è scritto e si scrive sul martirio di Marc’Antonio Bragadin a Famagosta ma relativamente poco sul tragitto della sua povera pelle e sul suo Monumento funerario nella Chiesa di S.S. Giovanni e Paolo a Venezia. La pelle dell’eroico Bragadin, conciata e impagliata, fu trasferita dai turchi come “trofeo” a Istanbul

L’uniforme dei corazzieri della Serenissima

DOC – Tavola Gian Franco Barco : Cavalleria Pesante Veneta – Regg. Corazze Nel 1701 esistevano 17 compagnie sciolte di Corazze per un totale di 827 Cavalieri . Successivamente queste compagnie vennero raggruppate formando 2 reggimenti di Corazzieri ( Cavalleria pesante Veneta ) il primo comandato dal Colonnello Sanbonifacio e il secondo dal Marchese Giona

Le bandiere venete “prigioniere” in Svizzera

di Ecce Leo

Nel museo di Appenzel, cantone svizzero, sono conservate due bandiere della fanteria veneziana, catturate dagli svizzeri nella battaglia di Agnadello del 14 maggio 1509.

I vessilli sono di forma rettangolari con i bordi arrotondati al battente (il lato lasciato libero), questa era la forma tipica del XVI secolo.

La bandiera che proponiamo è fatta di tela da campo della misura di 150cm X 156 cm di lunghezza.

L’ABC DELL’ESERCITO VENETO, gerarchia e organigramma.

di Millo Bozzolan La pianta organica di un reggimento veneziano nel secondo Settecento comprendeva 515 unità suddivise secondo il seguente ordine gerarchico: colonnello, tenente colonnello, sergente maggiore, aiutante, sei cadetti, cappellano, chirurgo, ragioniere, armaiolo, esperto di fucili, artigiano, tamburo maggiore, sei capitani se tenenti, tre capitani tenenti, nove alfieri nove sergenti, diciotto caporali, sei pifferi,

L’altro 1° Maggio

Il Comitato Celebrazioni Storiche della Milizia Veneta, è lieto di co-partecipare e di aver dato il proprio patrocinio a questo importantissimo evento nato per approfondire fatti ed avvenimenti del cosiddetto “Inutile Massacro” attraverso una analisi clinica ed onesta sulle vicende della prima guerra mondiale.