Bombardieri di Venezia

Di EcceLeo

I Bombardieri di Venezia come altri corpi urbani si esercitavano al "bersaglio" del Lido. Ogni anno venivano eseguite due gare di tiro con il cannone da mar e da terra o con il falconetto da 12 e da 16 libre. Le competizioni avvenivano il 1° maggio e il 24 agosto e in presenza del pubblico e dei supremi Magistrati. Ai vincitori delle competizioni venivano donati premi di 3 e 2 ducati. Come le cernide, i bombardieri non erano dei militari di carriera, ma una Milizia Urbana ovvero “Sodalitium Bombarderiorum, avente una età compresa tra i 18 e 35 anni. La loro retribuzione era legata solo al loro utilizzo. A Venezia ve ne erano 574 e in tutta la Terraferma circa 3.000. Altri si trovavano in levante 265, in dalmazia 932, infine 326 in Istria per un totale di 5.097 uomini. Nel libro "la Fucina di Marte" editto a venezia nel 1641, troviamo le indicazioni di come si carricava un cannone in tale periodo: “ … prima metterò la polvere tutta, si raderà con lo stivadore unendola e calcandola leggermente, di poi si metterà il suo boccone (stoppaccio) di fieno o di paglia o di fratazzi o di stoppa o capecchio; che non ci sia dentro minima cosa dura e questo ancor esso si calchera leggermente; e di poi prendendo la palla con il suo debito vento , con tutte le due mani, con essa farà il segno della Santa Croce e invocando il Nome di Gesù e della gloriasa Vergine Maria e di Santa Barbera , la metterrà dentro la bocca e faralla arrivare il boccone. …quando dare il fuoco alla pezza il bombardiero si deve governare in questa maniera; prenderà una tavola… e quella l’accomoderà che tocchi il fogone, ma che non lo copra e così accomodata farà sopra di quella una traina di polvere che si congiunga con la polvere del fogone e cosi ordinato con il buttafuoco in pronto aspetterà l’ordine…di fare fuoco, il quale ricevuto in Nome di Gesù Christo darà fuoco alla traina…e per ricaricare, prima con la lana umida e bagnata anderà a nettando tutta la canna del pezzo…” tratto da "20 aprile 1797, il giorno del coraggio", Danilovich/Nardo. Libro esaurito!

Facebook
Telegram