Weekend impegnativo! (ma pieno di soddisfazioni)

E’ stato un week end davvero impegnativo per il gruppo del 1° reggimento “Veneto Real”, impegnato su tre fronti per portare vicinanza e presenza a tutte le manifestazioni identitarie di questi giorni sul territorio.
Già da sabato sera è stato un vero piacere, oltre che un orgoglio, essere di supporto alla presentazione del libro “Per Cristo e Venezia” di Sibyl V.D. Schulenburg, discendente diretta di quel Matthias V.D. Schulenburg divenuto FedelMaresciallo della Repubblica Veneta, massima carica militare della storia della nostra Repubblica e nostro “manuale militare” di riferimento.
Un romanzo quello di Sibyl, dove l’autrice riporta la storia documentata, e le reali cronache di battaglia attraverso i sentimenti e gli amori del tempo, un tuffo nel ‘settecento per riscoprire alla fine che le vicende affettive sono le stesse che viviamo tutt’ora. Un sicuro piacevole compagno delle nostre prossime letture.
Grazie quindi ad Ugo Gazzola a Sibyl ed alla intera organizzazione dell’evento avvenuto preso il Barco Mocenigo di Castello di Godego.

Ieri invece, domenica 14 ottobre, il 1° reggimento Veneto Real si è trovato impegnato contemporaneamente su due fronti opposti delle nostre terre.
Presso il comune di Trissino in provincia di Vicenza con una propria delegazione all’inaugurazione dell’ormai famoso leone di San Marco più grande del mondo, occasione che ci ha permesso di rispolverare dopo molto tempo in una uscita ufficiale la prima bandiera reggimentale. Un sentito ringraziamento ai nostri militi Basso e Roncolato per l’impegno e la marzialità applicata in una così importante manifestazione.

Il grosso del reggimento era impegnato invece sempre ieri presso l’evento Veneti in Festa organizzata dalla Confraternita Le Tere Alte de San Marco assieme al XVI reggimento Treviso a Cordignano.


Festa che ha visto sul palco, l’intervento come sempre straordinario, dell’avvocato Fogliata Renzo, seguito da un momento conviviale a pranzo, nel quale abbiamo potuto confrontarci, tutti insieme, “mangiando la polenta”, il nostro vero connettore dell’essere veneti, e concludendosi con la grande festa e presentazione delle milizie venete che per l’occasione hanno eseguito diverse scariche di spari a salve.

Quello che è stato facile notare sono i punti in comune di ognuno di questi eventi, il calore della gente, la voglia di riscoprirsi, di sentirsi ancora veneti, e tutto accompagnato dal desiderio di liberare tutti insieme al cielo il grido di invocazione del nostro patrono “Par Tera Par Mar… San Marco”. Momenti straordinari di vero amore ed attaccamento a questa terra.

L’appuntamento è ora per il 20 ottobre a Sant’Eulalia, dove una delegazione del 1° reggimento Veneto Real sarà presente alla messa per il Beato Carlo I organizzata dal movimento Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale.

Facebook
Telegram